The Wind Rises, Review – Si Alza Il Vento, Review

si-alza-il-vento-2013-hayao-miyazaki-08

The master of Japanese Anime, Miyazaki lowers the curtain on an exceptional career sprinkled with successes. At the Venice Film Festival last year, he announced his farewell from the big screen and, with his last masterpiece The Wind Rises, he definitively said ‘Goodbye’. This one is probably the most autobiographic movie among his entire production.  Jirō Horikoshi unable to become a pilot because of a strong myopia, decides to focus on the creation of the best planes in the world. The italian engineer Caproni, will be his mentor through dreamlike conversations. One for the many paradoxes of this movie is the earthquake od 1922 that will mark the highest point in his love life. During the espace, indeed, he will meet Naoko, that he will discover being the love of his life. The two will reconnect after many years in a very dramatic atmosphere. She is sick with tuberculosis (the ones who know Miyazaki’s story a little bit, know that his mother had the same illness) and Jirō will marry her anyway trying, with his love, to fight a disease that, in the end, will be stronger than them. Jirō will achieve his goal eventually, he will design and create the perfect planes, but they will be used for the Pearl Harbor attack. The movie is absolutely MAGNIFICENT. Intensity, substance, intelligence, prowess, are just few of the qualities that distinguish Miyazaki. I don’t just suggest the movie, I constrain you to see it. MASTERPIECE

IN THEATRES FROM SEPTEMBER THE 28TH


Il maestro delle animēshon giapponesi, Miyazaki cala il sipario su una carriera eccezionale e costellata da successi. Ha annunciato alla Mostra del Cinema di Venezia dello scorso anno, il suo ritiro e, con l’ultimo capolavoro Si Alza Il Vento, ha detto definitivamente ‘Addio’. Questo è forse il film più autobiografico di tutta la produzione del maestro. Jirō Horikoshi, impossibilitato da una forte miopia a diventare pilota, decide di dedicarsi alla costruzione degli aerei migliori del mondo. L’ingegnere italiano Caproni sarà il suo mentore tramite conversazioni oniriche. Uno dei tanti paradossi è il terremoto del 1922, che costituirà per Jirō il punto più alto della sua vita sentimentale. Durante la fuga, infatti, incontrerà Naoko, che scoprirà essere il grande amore della sua vità. I due si ritroveranno anni dopo in un clima drammatico. Lei è malata di tubercolosi (chi conosce un po’ la storia di Miyazachi, sa  bene che sua madre era affetta dallo stesso male) e Jirō la sposa ugualmente cercando, con il suo amore, di combattere una malattia che, alla fine, si rivelerà più forte di loro. Jirō riuscirà a realizzare il suo sogno, progetterà gli aerei perfetti che, però, saranno utilizzati per l’attacco a Pearl Harbor. Il film è assolutamente MERAVIGLIOSO. Profondità, spessore, intelligenza, maestria, sono solo alcune delle doti che contraddistinguono Miyazaki. Non consiglio soltanto questo film, ma vi obbligo proprio a vederlo. CAPOLAVORO

AL CINEMA DAL 13 AL 16 SETTEMBRE

B.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s