Interview, Alan Rickman – Intervista, Alan Rickman

Alan+Rickman+Giffoni+Film+Festival+Day+6+NpCObp6bRADl

I can’t put into words how excited I was to be in front of Alan Rickman. I have been a drama actress for several years in the past and a huge fan of all his plays and movies. Personally I think he is one of the best we have out there and we’ve ever had. It has been an enormous pleasure and honor to have the chance to interview this extraordinary man and artist

The theme of the festival this year is Be Different, have you ever felt different as a child?

“Yes I felt different as a child in the sense of that my father died when I was 8 years old so I didn’t have the childhood that all the kids have, in that sense. But I was also very lucky because I went to a school that encouraged differences; there was a boy in my school who was studying Physics and Arts and it was allowed”

What would Snape say to young adults to explain them this theme?

“I think you should ask J.K. Rowling what he would say. He has always been a character that she kept very close to her heart and never let the secret out, but I think it’s no secret that everything he did was guided by love but he kept it all inside. We live in an age where most adults and young adults always have their heads down on a phone. There is too much pressure from social media, too much bullying, so their life it’s really beautiful and dangerous now. We have a lot of young people suiciding because of the pressure to conform and the power of the internet. So i think that festivals like this are crucial in bringing teenagers together and giving them a sense of their own power. A message like Be Different couldn’t be more important” He said moving me and my colleagues, we all couldn’t help clapping in agreeing with his beautiful and true words

Have you read J.K. Rowling’s new material and is there a possibility for you to take part in a sequel of the saga based on her latest work?

“My wife is reading her books and she thinks they are terrific. I haven’t  read them yet. As for the sequel, I don’t know if there’s going to be one, but I’m so dead anyways” he laughs

How is it different acting for children and acting for adults?

“If the story is powerful it is the same, if you want, adults can become children. If I like anything about the job I do is the silence that happens in a cinema or a theatre when people are lost in a story. So i don’t do that distinction, it’s just people”

What was it like moving from being an actor to a director in cinema and theatre and eventually, which one would you prefer?

“It’s more difficult to pass from actor to director in theatre, because in cinema you are surrounded by experts who help you. In terms of talking to the actors you learn to believe that less is more.Every other part of it is very practical, it’s about money and weather. But also the story has to guide you. I wouldn’t direct anything that’s better than I am, you got to have something that leads you and then when you read it, images jump out of the text, then you surround yourself with people that bring to life those images, it’s a huge group effort. In theatre I think it’s more singular. It’s all difficult and it’s all easy” he laughs “you just have to stay opened I think. As for which one I prefer, you know, a piece of theatre takes about 6 weeks of your life in terms of beginning till it’s done. I just finished 18 months with this film. I don’t know, I don’t want to direct another film tomorrow for sure” he jokes

Can you tell me a little bit about your next movie A Little Chaos?

“Sure, but first let me tell you that I made another movie about a year ago and it’s coming out soon in Italy and it’s called Una Promessa and I’m proud of that film. And I’m just done with the editing of A Little Chaos. It takes place at the court of Louis the 14th, some of it it’s true. It’s basically about the building of one of the fountains and some of it is false because we say that it’s a woman, played by Kate Winslet, who built that fountain and considering the time, it would be complete fantasy. Apart from watching the fountain grow, my film is a great love story” It was shown at the last night of the Toronto Film Festival just a few weeks ago

Little Chaos is a love story, is there also something about the history and is there a chance that Louis the 14th is going to be played by you?

“The movie is part true and part a complete invention by a female screenwriter, so I guess it’s written from a feminist point of view at the court of Louis the 14th. The history comes when she experiences what it’s like to be a woman, who was just seen as an object at their time, in a male court. And yes, I do play Louis the 14th”

Do you have any theatre project?

“I would always be involved in theatre when I can organize it because it’s like a religion to me. I just have no time now” I feel you Alan

You are very involved in society and humanity causes. In this hard time that we are living in, what kind of actions would you want to happen?

“All I can say is that I’m very involved in training young actors in England, so whenever I talk to them I say ‘Don’t think about acting, listen to music, go to museums, watch a painting, read newspapers, get your own ideas on things’. Great scripts make your life better, but all people cares about is the collision between a great script and an actor’s imagination and that’s the same as being angry, happy or disgusted about what happens today”

What a man


Mi è impossibile esprimere a parole l’emozione che ho provato quando ho incontrato Alan Rickman al Giffoni Film Festival. Ho recitato in teatro per diversi anni in passato e sono una grandissima ammiratrice dei suoi spettacoli e dei suoi film, Personalmente, credo sia uno dei migliori attori che abbiamo oggi… che abbiamo da sempre, veramente. E’ stato un piacere enorme avere la possibilità di intervistare questo straordinario uomo ed artista.

Il tema del festival quest’anno è “Be Different” ti sei mai sentito diverso da bambino?

“Si, mi sono sentito diverso da bambino, nel senso che ho perso mio padre quando avevo solo otto anni quindi non ho avuto l’infanzia che hanno tutti i bambini solitamente, in questo senso. Ma sono stato anche molto fortunato perché ho frequentato una scuola che incoraggiava le differenze; c’era un ragazzo, ad esempio, che studiava Fisica ed Arte e gli era consentito”

Cosa direbbe Piton ai giovani adulti, per spiegare loro questo tema?

“Questo dovresti chiederlo a J.K. Rowling. E’ un personaggio che ha tenuto sempre molto vicino al suo cuore e non ha mai rivelato il suo segreto, ma io credo non sia un segreto che tutto ciò che lui ha fatto è stato guidato dall’amore anche se non l’ha mai manifestato. Viviamo in un’epoca in cui molti adulti e giovani adulti hanno sempre le teste abbassate su un telefono. Subiscono grande pressione dai social media e c’è troppo bullismo, quindi le loro vite sono una cosa bellissima ma molto pericolosa ora. Abbiamo troppi suicidi tra i giovani per la pressione di conformarsi ed il potere di Internet. Quindi io penso che festival come questo, siano cruciali  ai fini di unire e dare ad i teenager il senso del loro vero potere. Un messaggio come “Sii Diverso” non potrebbe essere più importante” dice, toccando me ed i miei colleghi che non possiamo fare altro che applaudire concordando totalmente

Hai letto il nuovo materiale di J.K. Rowling e c’è la possibilità che tu possa prendere parte ad un sequel tratto dai suoi ultimi lavori?

“Mia moglie sta leggendo i suoi nuovi libri e pensa che siano magnifici. Io ancora non li ho letti. Per quanto riguarda l’ ipotesi di un sequel, non lo so, ma io sono troppo morto comunque” ride

Quanto è diverso recitare per i bambini e recitare per gli adulti?

“Se la storia è potente è la stessa cosa, se si desidera, gli adulti possono diventare bambini. Se mi piace qualcosa del lavoro che faccio è il silenzio che si crea in un cinema o in un teatro quando le persone sono totalmente prese dalla storia. Quindi io non faccio questa distinzione, sono solo persone”

Com’è stato passare dall’essere un attore all’essere un regista sia al cinema che in teatro ed, eventualmente, quale delle due cose preferisci?

“Il passaggio è molto più difficile se parliamo del teatro, perché quando dirigi un film, sei circondato da esperti pronti ad aiutarti. Per quanto riguarda il parlare con gli attori, impari a credere che il meno è, in realtà, meglio. Tutti gli altri aspetti del dirigere un film sono piuttosto pratici, dipendono principalmente dai soldi e dalle condizioni meteorologiche. Ma è anche la storia a doverti guidare. Io non dirigerei mai qualcosa che considero migliore di me. Hai bisogno di avere qualcosa che ti guidi, poi quando leggi il copione, le immagini saltano fuori dal testo, a quel punto devi solo circondarti di persone capaci di dare vita a quelle immagini è uno sforzo di gruppo enorme. Nel teatro, la cosa è più individuale. E’ tutto facile e tutto difficile” ride “Quale delle due cose preferisco? Ma sai, un’opera teatrale ti coinvolge per circa sei settimane della tua vita, in termini di direzione prima della messa in scena. Io ho appena finito di girare un film per il quale ho impiegato 18 mesi. Non so cosa risponderti, ma certamente non voglio dirigere un nuovo film domani, questo è sicuro” scherza

Puoi dirmi qualcosa sul tuo ultimo film A Little Chaos?

“Certo, ma lascia che prima ti dica che ho girato un altro film circa un anno fa, che presto uscirà in Italia e si intitola Una promessa, sono molto orgoglioso di quel film. Ho appena finito l’editing per A Little Chaos. Si svolge alla corte di Luigi 14°, è in parte reale. Praticamente riguarda la costruzione di una delle fontane del palazzo e parte è inventato in quanto nel film si dice che a costruire questa fontana è una donna, interpretata da Kate Winslet, il che, considerando il periodo è una fantasia. Oltre a guardare la creazione della fontana, il mio film è una bellissima storia d’amore” E’ stato proiettato alla chiusura del Toronto Film Festival solo qualche settimana fa

Little Chaos è una storia d’amore, come si inserisce la storia effettiva nel film e ci sono possibilità di vederti vestire i panni di Luigi 14°?

“Il film è, come ho detto, in parte autentico ed in parte una totale invenzione di una sceneggiatrice, quindi suppongo sia stato scritto da un punto di vista femminile alla corte di Luigi 14°. La storia subentra quando lei fa esperienza della vita di corte e comprende cosa significhi essere una donna, vista solo come oggetto all’epoca, in una corte maschile e maschilista. E si, io sono Luigi 14°”

Hai qualche progetto teatrale?

“Sarò sempre coinvolto nel teatro quando riuscirò ad organizzarmi, perchè per me è una religione. Solo che non ho tempo” Ti capisco Alan

Sei molto impegnato nel sociale. In questo momento molto difficile che viviamo, cosa vorresti che accadesse?

“Quello che posso dire è che io sono impegnato nel training di giovani attori, quindi ogni volta che parlo con loro, dico ‘Non pensate alla recitazione, ascoltate la musica, andate nei musei, guardate un dipinto, leggete i giornali, fatevi delle idee vostre’. Un grande copione ti fa sentire bene, ma quello che importa alla gente è la collisione tra un bel copione e l’immaginazione dell’attore e ciò si sposa anche con essere nervosi, felici o disgustati per quel che accade oggi”

Che uomo

B.

Advertisements

2 thoughts on “Interview, Alan Rickman – Intervista, Alan Rickman

  1. Pingback: A Promise, Review – Una Promessa, Review |

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s