Interview, Alan Rickman – Intervista, Alan Rickman

Alan+Rickman+Giffoni+Film+Festival+Day+6+NpCObp6bRADl

I can’t put into words how excited I was to be in front of Alan Rickman. I have been a drama actress for several years in the past and a huge fan of all his plays and movies. Personally I think he is one of the best we have out there and we’ve ever had. It has been an enormous pleasure and honor to have the chance to interview this extraordinary man and artist

The theme of the festival this year is Be Different, have you ever felt different as a child?

“Yes I felt different as a child in the sense of that my father died when I was 8 years old so I didn’t have the childhood that all the kids have, in that sense. But I was also very lucky because I went to a school that encouraged differences; there was a boy in my school who was studying Physics and Arts and it was allowed”

What would Snape say to young adults to explain them this theme?

“I think you should ask J.K. Rowling what he would say. He has always been a character that she kept very close to her heart and never let the secret out, but I think it’s no secret that everything he did was guided by love but he kept it all inside. We live in an age where most adults and young adults always have their heads down on a phone. There is too much pressure from social media, too much bullying, so their life it’s really beautiful and dangerous now. We have a lot of young people suiciding because of the pressure to conform and the power of the internet. So i think that festivals like this are crucial in bringing teenagers together and giving them a sense of their own power. A message like Be Different couldn’t be more important” He said moving me and my colleagues, we all couldn’t help clapping in agreeing with his beautiful and true words

Have you read J.K. Rowling’s new material and is there a possibility for you to take part in a sequel of the saga based on her latest work?

“My wife is reading her books and she thinks they are terrific. I haven’t  read them yet. As for the sequel, I don’t know if there’s going to be one, but I’m so dead anyways” he laughs

How is it different acting for children and acting for adults?

“If the story is powerful it is the same, if you want, adults can become children. If I like anything about the job I do is the silence that happens in a cinema or a theatre when people are lost in a story. So i don’t do that distinction, it’s just people”

What was it like moving from being an actor to a director in cinema and theatre and eventually, which one would you prefer?

“It’s more difficult to pass from actor to director in theatre, because in cinema you are surrounded by experts who help you. In terms of talking to the actors you learn to believe that less is more.Every other part of it is very practical, it’s about money and weather. But also the story has to guide you. I wouldn’t direct anything that’s better than I am, you got to have something that leads you and then when you read it, images jump out of the text, then you surround yourself with people that bring to life those images, it’s a huge group effort. In theatre I think it’s more singular. It’s all difficult and it’s all easy” he laughs “you just have to stay opened I think. As for which one I prefer, you know, a piece of theatre takes about 6 weeks of your life in terms of beginning till it’s done. I just finished 18 months with this film. I don’t know, I don’t want to direct another film tomorrow for sure” he jokes

Can you tell me a little bit about your next movie A Little Chaos?

“Sure, but first let me tell you that I made another movie about a year ago and it’s coming out soon in Italy and it’s called Una Promessa and I’m proud of that film. And I’m just done with the editing of A Little Chaos. It takes place at the court of Louis the 14th, some of it it’s true. It’s basically about the building of one of the fountains and some of it is false because we say that it’s a woman, played by Kate Winslet, who built that fountain and considering the time, it would be complete fantasy. Apart from watching the fountain grow, my film is a great love story” It was shown at the last night of the Toronto Film Festival just a few weeks ago

Little Chaos is a love story, is there also something about the history and is there a chance that Louis the 14th is going to be played by you?

“The movie is part true and part a complete invention by a female screenwriter, so I guess it’s written from a feminist point of view at the court of Louis the 14th. The history comes when she experiences what it’s like to be a woman, who was just seen as an object at their time, in a male court. And yes, I do play Louis the 14th”

Do you have any theatre project?

“I would always be involved in theatre when I can organize it because it’s like a religion to me. I just have no time now” I feel you Alan

You are very involved in society and humanity causes. In this hard time that we are living in, what kind of actions would you want to happen?

“All I can say is that I’m very involved in training young actors in England, so whenever I talk to them I say ‘Don’t think about acting, listen to music, go to museums, watch a painting, read newspapers, get your own ideas on things’. Great scripts make your life better, but all people cares about is the collision between a great script and an actor’s imagination and that’s the same as being angry, happy or disgusted about what happens today”

What a man


Mi è impossibile esprimere a parole l’emozione che ho provato quando ho incontrato Alan Rickman al Giffoni Film Festival. Ho recitato in teatro per diversi anni in passato e sono una grandissima ammiratrice dei suoi spettacoli e dei suoi film, Personalmente, credo sia uno dei migliori attori che abbiamo oggi… che abbiamo da sempre, veramente. E’ stato un piacere enorme avere la possibilità di intervistare questo straordinario uomo ed artista.

Il tema del festival quest’anno è “Be Different” ti sei mai sentito diverso da bambino?

“Si, mi sono sentito diverso da bambino, nel senso che ho perso mio padre quando avevo solo otto anni quindi non ho avuto l’infanzia che hanno tutti i bambini solitamente, in questo senso. Ma sono stato anche molto fortunato perché ho frequentato una scuola che incoraggiava le differenze; c’era un ragazzo, ad esempio, che studiava Fisica ed Arte e gli era consentito”

Cosa direbbe Piton ai giovani adulti, per spiegare loro questo tema?

“Questo dovresti chiederlo a J.K. Rowling. E’ un personaggio che ha tenuto sempre molto vicino al suo cuore e non ha mai rivelato il suo segreto, ma io credo non sia un segreto che tutto ciò che lui ha fatto è stato guidato dall’amore anche se non l’ha mai manifestato. Viviamo in un’epoca in cui molti adulti e giovani adulti hanno sempre le teste abbassate su un telefono. Subiscono grande pressione dai social media e c’è troppo bullismo, quindi le loro vite sono una cosa bellissima ma molto pericolosa ora. Abbiamo troppi suicidi tra i giovani per la pressione di conformarsi ed il potere di Internet. Quindi io penso che festival come questo, siano cruciali  ai fini di unire e dare ad i teenager il senso del loro vero potere. Un messaggio come “Sii Diverso” non potrebbe essere più importante” dice, toccando me ed i miei colleghi che non possiamo fare altro che applaudire concordando totalmente

Hai letto il nuovo materiale di J.K. Rowling e c’è la possibilità che tu possa prendere parte ad un sequel tratto dai suoi ultimi lavori?

“Mia moglie sta leggendo i suoi nuovi libri e pensa che siano magnifici. Io ancora non li ho letti. Per quanto riguarda l’ ipotesi di un sequel, non lo so, ma io sono troppo morto comunque” ride

Quanto è diverso recitare per i bambini e recitare per gli adulti?

“Se la storia è potente è la stessa cosa, se si desidera, gli adulti possono diventare bambini. Se mi piace qualcosa del lavoro che faccio è il silenzio che si crea in un cinema o in un teatro quando le persone sono totalmente prese dalla storia. Quindi io non faccio questa distinzione, sono solo persone”

Com’è stato passare dall’essere un attore all’essere un regista sia al cinema che in teatro ed, eventualmente, quale delle due cose preferisci?

“Il passaggio è molto più difficile se parliamo del teatro, perché quando dirigi un film, sei circondato da esperti pronti ad aiutarti. Per quanto riguarda il parlare con gli attori, impari a credere che il meno è, in realtà, meglio. Tutti gli altri aspetti del dirigere un film sono piuttosto pratici, dipendono principalmente dai soldi e dalle condizioni meteorologiche. Ma è anche la storia a doverti guidare. Io non dirigerei mai qualcosa che considero migliore di me. Hai bisogno di avere qualcosa che ti guidi, poi quando leggi il copione, le immagini saltano fuori dal testo, a quel punto devi solo circondarti di persone capaci di dare vita a quelle immagini è uno sforzo di gruppo enorme. Nel teatro, la cosa è più individuale. E’ tutto facile e tutto difficile” ride “Quale delle due cose preferisco? Ma sai, un’opera teatrale ti coinvolge per circa sei settimane della tua vita, in termini di direzione prima della messa in scena. Io ho appena finito di girare un film per il quale ho impiegato 18 mesi. Non so cosa risponderti, ma certamente non voglio dirigere un nuovo film domani, questo è sicuro” scherza

Puoi dirmi qualcosa sul tuo ultimo film A Little Chaos?

“Certo, ma lascia che prima ti dica che ho girato un altro film circa un anno fa, che presto uscirà in Italia e si intitola Una promessa, sono molto orgoglioso di quel film. Ho appena finito l’editing per A Little Chaos. Si svolge alla corte di Luigi 14°, è in parte reale. Praticamente riguarda la costruzione di una delle fontane del palazzo e parte è inventato in quanto nel film si dice che a costruire questa fontana è una donna, interpretata da Kate Winslet, il che, considerando il periodo è una fantasia. Oltre a guardare la creazione della fontana, il mio film è una bellissima storia d’amore” E’ stato proiettato alla chiusura del Toronto Film Festival solo qualche settimana fa

Little Chaos è una storia d’amore, come si inserisce la storia effettiva nel film e ci sono possibilità di vederti vestire i panni di Luigi 14°?

“Il film è, come ho detto, in parte autentico ed in parte una totale invenzione di una sceneggiatrice, quindi suppongo sia stato scritto da un punto di vista femminile alla corte di Luigi 14°. La storia subentra quando lei fa esperienza della vita di corte e comprende cosa significhi essere una donna, vista solo come oggetto all’epoca, in una corte maschile e maschilista. E si, io sono Luigi 14°”

Hai qualche progetto teatrale?

“Sarò sempre coinvolto nel teatro quando riuscirò ad organizzarmi, perchè per me è una religione. Solo che non ho tempo” Ti capisco Alan

Sei molto impegnato nel sociale. In questo momento molto difficile che viviamo, cosa vorresti che accadesse?

“Quello che posso dire è che io sono impegnato nel training di giovani attori, quindi ogni volta che parlo con loro, dico ‘Non pensate alla recitazione, ascoltate la musica, andate nei musei, guardate un dipinto, leggete i giornali, fatevi delle idee vostre’. Un grande copione ti fa sentire bene, ma quello che importa alla gente è la collisione tra un bel copione e l’immaginazione dell’attore e ciò si sposa anche con essere nervosi, felici o disgustati per quel che accade oggi”

Che uomo

B.

Advertisements

Interview, Richard Gere – Intervista, Richard Gere

10499523_10152592413673832_7436747946233923240_o

When I met Richard Gere, I almost passed out. But, unlike my mother, I kept it together… LOL. No, for real, who hasn’t dreamed about having Vivian’s fairytale with prince charming Edward coming on a limo for the rescue?! Now, let me tell you that the press conference with him, made me discover an amazing and inspiring man who enlightened me and my colleagues with pearls of wisdom and great thoughts. As soon as he entered the room, he greeted all of us with a great and gorgeous smile before saying:

“Let me just say that I’m really, really happy to be here. I always take every chance I can to come to Italy, it’s very important to me, I have so many friends here.I’m with my son and we both are glad to be here, especially in the Amalfi Coast, to be part of this Festival who’s importance is to connect young adults from all over the world. This has an amazing impact on the planet so thank you”

No, thank YOU Richard, but let’s get serious here, we have some questions to ask

When, in your life and career, you felt like you had to make deals and compromises with Hollywood?

“This is funny. Everybody has this idea of Hollywood as a voracious monster. It’s just a place where people make movies, it’s not a big deal. We all have to make deals with our own demons, it has nothing to do with Hollywood” I couldn’t agree more, my dear

Your choice of playing a homeless in your next movie, has anything to do with the economic crush we have been experiencing for a few years now?

“Actually it’s interesting, because the original script of that movie was written 25 years ago and, you know, the details changed a little bit, but the real problems of homelessness, the personal issues and struggles haven’t changed at all. To play this role I already had an experience with an association in New York which is the only place in the world where BY LAW has to be given a bed to this people. So in this movie, we follow this man’s process of becoming a homeless and going through bureaucracy of New York, but also the personal journey to be able to get a human connection again” the actor explains

You talked a lot about the respect towards other species and your movie Hachiko represents the real love that animals can give us. What’s your message to young adults about the respect towards our planet?

“I would like to clarify that I’m not a vegetarian, I eat fish and chicken sometimes, I absolutely don’t eat red meat” Just like me Richard “I think eventually I won’t eat animals at all. Not only from a religious, cultural, emotional, psychological point of view, but also from a scientific point of view we are all on the same planet, we all react to each other, no one exists just on his own side, we are all responsible for each other. A friend of mine who was going to have a child, is a student of the Dalai Lama and one time he asked him ‘How can we give extraordinary values to our child?’. The Dalai Lama remained silent for a minute then he said ‘Teach him how the respect the life of an insect’ which is maybe ugly, maybe scary, doesn’t look like us, appears to be insignificant, but if you teach a child to see an insect as someone with a life, a family who’s only looking to achieve real happiness, just like us, that’s very transforming”

Everybody knows you are a pacifist, what’s your opinion on this bloody world?

“You know, I remember when my Zen teacher in Japan told me that he didn’t make important decisions till he got the speed of his heart down to 7 breaths a minute. Meaning that human beings tend to make very emotional decisions about things and, usually, emotions are just the surface and not very reliable. They are not based on anything profound. The surface of things is related to the selfish idea of the ‘I am’, on that base, everything is about MY life, MY security, MY happiness. If you could leave the surface, go deeper and see things from a more rational point of view you will see that we all behave to causes and so you can understand why you behave in a certain way and why the others behave in a certain other way. The violence that we have today is caused by people seeing humanity as individuals and I don’t trust that at all. But I’m optimistic about human beings because we are, naturally, creatures of kindness and respond to love, care and security and we behave towards each other. With that knowledge problems won’t even exist, because that’s who we really are” he says

With all the beautiful things you’re saying, I can’t help thinking about your career. In more than fifty movies you always had good characters, just a few villains. In what measure your private life affects your roles choice?

“Oh, it’s nothing separate. You see, making movies to me is just a job. But there’s nothing in my life that is separate from me. I think I never accepted a job where I didn’t find something in it that would respond to a higher level inside of me. Of course I made some bad choices sometimes, we don’t always have control on things”

Your colleagues are getting into TV Shows everyday more, and we have great products nowadays, would that be an option for you too?

“This is very much of a transition time for movies. The studios don’t make the kind of movies they made when I started anymore. For my new movie we had a really small budget and 21 days to shoot it. One has to work in a really strict environment to make a more serious movie and we all have to adjust to that now. Truth is that in television, cables have huge budgets and they can do more experimental things and it’s not normal TV, they do extraordinary products” Richard admits

Why do you think Hollywood changed so much, why do we have more quality in a TV Show than in a comedy movie?

“A lot of it has to do with how expensive it is to release a movie basically. Just the costs of releasing a movie are higher than the costs of making it. These cables have already the whole package”

Is there one of your previous roles what you would like to repeat?

“Oh no, once a character is done, it’s done” he laughs

It doesn’t really matter, does it? We just enjoy the view of your incredible talent and ageless beauty


Quando ho incontrato Richard Gere, sono quasi svenuta. Ma, a differenza di mia madre, io mi sono data un contegno… HAHAHA. No, davvero, chi non ha mai sognato di avere la favola di Vivian, col principe azzurro Edward che arriva in limousine per il salvataggio?! Ora, lasciate che vi dica che la conferenza stampa con lui, mi ha fatto scoprire un uomo incredibile, grande fonte di ispirazione, che ha illuminato me ed i miei colleghi con perle di saggezza e pensieri significativi. Appena entrato nella sala, ha salutato tutti con uno splendido sorriso prima di dire:

“Lasciate che vi dica che sono davvero tanto, tanto felice di essere qui. Colgo al volo ogni opportunità mi si presenti per venire in Italia, è molto importante per me, ho tantissimi amici qui. Sono con mio figlio e siamo entrambi contenti di essere qui specialmente nella costiera amalfitana, per prendere parte a questo festival la cui importanza è di connettere giovani adulti da tutto il mondo. Questo ha un incredibile impatto sul pianeta quindi vi ringrazio”

No, grazie a TE, Richard, ma andiamo al sodo, abbiamo diverse domande da fare.

Quando, nella vita e nella carriera, hai pensato di dover scendere a compromessi con Hollywood?

“E divertente. Tutti hanno questa idea di Hollywood come di un mostro vorace. E’ semplicemente un posto dove la gente fa film non è questa gran cosa. Tutti dobbiamo venire a compromessi con i nostri demoni e questo non ha niente a che fare con Hollywood” non potrei essere più d’accordo, mio caro

La scelta di recitare nel ruolo di un senzatetto nel tuo prossimo film, ha qualcosa a che vedere con la crisi economica che stiamo vivendo da diversi anni ormai?

“In realtà, è molto interessante, perché il copione originale di quel film è stato scritto 25 anni fa e, sai, forse i dettagli sono un po’ cambiati, ma i problemi reali, le difficoltà e le lotte personali dell’essere senzatetto, non sono cambiate per niente. Per recitare questa parte avevo già fatto esperienza con un’associazione di New York che l’unico posto al mondo dove, PER LEGGE, deve essere garantito un letto a queste persone. Quindi, in questo film, seguiamo il processo di quest’uomo che diventa un senzatetto ed affronta la burocrazia newyorkese, ma anche il suo viaggio personale verso la capacità di ristabilire di nuovo connessioni umane” spiega l’attore

Hai spesso parlato del rispetto nei confronti delle altre specie ed il tuo film Hachiko rappresenta l’amore reale che gli animali possono darci. Quel’è il tuo messaggio per i giovani, riguardo alla tutela del nostro pianeta?

“Vorrei chiarire subito che non sono vegetariano, mangio pesce e pollo qualche volta, non mangio assolutamente carne rossa” proprio come me Richard “ma credo che in futuro, smetterò definitivamente di mangiare animali. Non solo da un punto di vista religioso, culturale, emotivo e psicologico, ma anche da un punto di vista scientifico noi siamo tutti sullo stesso pianeta ed interagiamo gli uni con gli altri, nessuno esiste solo per se stesso, siamo tutti responsabili di tutti. Un mio amico che è un discepolo del Dalai Lama, quando stava per avere il suo primo figlio gli ha chiesto: ‘Come possiamo trasmettere valori straordinari al nostro bambino?’ il Dalai Lama è rimasto in silenzio per un attimo, poi gli ha risposto: ‘Insegnagli a rispettare la vita di un insetto’ che magari è brutto, spaventoso, non ci somiglia per niente, sembra insignificante, ma se insegni ad un bambino a vedere l’insetto come un essere dotato di vita e di una famiglia, che cerca solo di raggiungere la felicità, come ogni altro essere umano, è trasformante”

Tutti sappiamo che sei un pacifista, qual’è il tuo pensiero in merito a questo mondo insanguinato?

“Sai, mi ricordo che una volta, il mio maestro Zen giapponese, mi ha rivelato che lui non prende decisioni importanti fino a quando non è riuscito ad abbassare il numero dei suoi respiri a 7 al minuto. Questo è per dire che gli esseri umani tendono a prendere decisioni emotive, solitamente, le emozioni sono la superficie delle cose e quindi non molto affidabili. Non si basano su qualcosa di profondo. La superficie delle cose è legata all’idea egoistica dell’ ‘Io Sono’, su questa base, tutto riguarda la MIA vita, la MIA sicurezza, la MIA felicità. Se potessimo lasciare lo strato superficiale,  andare più in profondità e vedere le cose da un punto di vista più razionale, vedremmo che noi tutti reagiamo a delle cause. In base a quello capiremmo perché noi e gli altri ci comportiamo in determinati modi. La violenza protagonista di questo mondo è causata dalla visione, da parte delle persone, dell’umanità come individui ed io non mi fido assolutamente di questa visione. Ma resto ottimista riguardo agli esseri umani perché, per natura, noi siamo creature gentili, reagiamo all’amore, al rispetto ed alla sicurezza e ci comportiamo bene gli uni con gli altri. Se tutti avessimo questa consapevolezza, i problemi neanche esisterebbero, perché è così che siamo davvero” dice

Con tutte le meravigliose cose che stai dicendo, mi viene da pensare alla tua carriera. In più di 50 film, hai sempre avuto ruoli positivi, pochissimi negativi. In che misura la tua vita privata influenza la scelta dei ruoli?

“Oh, non è assolutamente separata. Vedi, fare film per me è solo un lavoro. Ma non c’è niente nella mia vita che sia separato da me. Credo di non aver mai accettato un ruolo nel quale non abbia trovato un qualcosa che rispondesse ad un livello più alto nella mia interiorità. Ovviamente ho preso anche decisioni sbagliate qualche volta, non abbiamo sempre il controllo sulle cose”

I tuoi colleghi stanno entrando sempre di più nel mondo delle serie televisive ed oggigiorno abbiamo grandi prodotti, potrebbe essere un’opzione anche per te?

“E’ un grande periodo di transizione per il cinema. Gli studios non producono più il genere di film che si facevano quando io ho iniziato. Per il mio ultimo film, avevamo a disposizione un budget limitatissimo e 21 giorni per girarlo. Bisogna lavorare in ambienti molto severi per fare film seri e tutti dobbiamo adattarci a questo nuovo regime ora. La verità è che nella televisione, queste case di produzione hanno budget enormi, possono creare cose sperimentali e non fanno TV normale, producono cose straordinarie” ammette Richard

Perché Hollywood è cambiata così tanto secondo te, perché abbiamo una maggiore qualità nelle serie che in una commedia?

“Ha molto  che vedere con i costi di distribuzione di un film. Solo i costi di distribuzione sono più alti delle spese di produzione ormai. Questi network invece hanno già tutto il pacchetto”

C’è qualche ruolo, tra tutti quelli che hai interpretato, che ti piacerebbe ripetere?

“Oh no, una volta che un personaggio è andato, è andato” ride

Non ci importa, vero? Noi ci godiamo solo la vista del tuo incredibile talento e della tua bellezza senza tempo

B.

Interview Dylan O’Brien – Intervista Dylan O’Brien

10495329_10152590298338832_8274247347468221111_o

Based on the namesake movie from 1985, Teen Wolf has been a sensation right from season one. 

I had a press conference the other day with one of the most loved characters and very sweet guy, Dylan O’Brien, who plays Stiles Stilinski, BFF of the main character in the serie. 

Do you watch any other tv serie? And if you do in which one would you like to play a role?

“No, only Teen Wolf” he jokes “I think House of Cards is been my favorite for the past two years that it’s been on, The Walking Dead, I’ve always wanted to be a zombie on that one and I almost was actually. I knew someone who worked on the show so I had to go and play the zombie for a day at the premiere of the 4th season, but I had to shoot The Maze Runner so I couldn’t” 

Obviously you are really famous among teenagers, who’s display of affection can be pretty wild. How do you deal with it and would you want to go back to be anonymous sometimes?

“It’s taking a lot to get used to it. I’m very shy and I have anxiety, you’re right, it can be overwhelming. I would love to just be able to go to Ralph’s and not have to take a picture, you know, just be treated like a normal person because I am and people sometimes forget that. But at the end of the day it’s not that bad” admits

In The Maze Runner, your character is in a crazy and scary situation. How would you behave if you were in the same situation?

“I would like to say that I would react the exact same way” he begins “but in real life is different you know. I don’t know, I mean I feel like I would ask the questions that my character asks. I wouldn’t want to live my life in fear that’s worst than death to me” 

You were a youtuber. What’s your advice for this young talents that try to make it in the show business through youtube?

“I think the instinct to use that media is absolutely correct. That’s how I started, I was just a kid who loved acting and making movies so I was just doing it myself, of course on a small scale, but that’s how you learn. My advice would be use that tool as much as you can and not to worry about where it gets you, because that’s not what matters, what counts is that you’re doing what you love and makes you happy. Youtube is just a miracle”

What kind of career you see for yourself and what actors do you admire? 

“To be honest I don’t vision a specific career for myself. I think I just want to challenge myself by trying different things and learn as much as I can along the way. There are a lot of actors who inspire me, but it’s so hard to mimic somebody’s career because I feel like it would take away what’s so special about their career. I would never want to try and be them because I think they would hate that, but not as a personal thing, I just think it’s not what an artist should do” Dylan explains

You met the fame thanks to a TVShow, but you also worked in big productions like Maze Runner. What are the differences between acting in a serie and acting in a movie and what’s your opinion about this “TVShows age” that we are living?

“First of all there is a huge difference, you know, in TV there’s less room to experiment, times are shorter. In movies, particularly the ones that have a huge budget and so a lot of months to shoot them, you can do that, you can experiment. As for the golden age of TVShows, I feel like in the past 5 years, we’ve had better TV products than movie products and that’s amazing considering what I just said. With such a short time you can still have a great quality. Movies now are all about money and make something, even if it’s already been done, just because it sells, they regurgitate ideas instead of creating something new”

The characters of your TVShow are different, have you ever felt different in your personal life?

“When I moved to California with my family I  was 12 and it was an interesting experience, I didn’t feel like I fit in, I didn’t feel like I had any friends outside of my family, I didn’t feel like I was at home. That’s what pushed me towards the Youtube world. That was the only thing that made me happy. Funny thing is that when I started doing it I was so scared to tell my friends and I hid it for so long because I was so scared of what they would think. Looking back now I hate that I felt that way I hate that I had to hide it from people because I was afraid of being judged. The most important thing is to embrace your differences and to go with them. Don’t let anyone affect that and change you. It took me a long time to realize that, but, you know, that’s part of growing up. Every artist is different and every person is different and embrace who you are will make you different and that’s amazing because you are unique”

That’s how the talented O’Brien concludes. Such an adorable and smart guy that just makes you want to talk to him for 3 or 4 hours non stop.

Keep going Dylan


Basata sul film Voglia Di Vincere del 1985, la serie Teen Wolf si è rivelata sensazionale fin dalla prima stagione. Ho partecipato qualche giorno fa, alla conferenza stampa di uno dei personaggi più amati dello show e ragazzo dolcissimo, Dylan O’Brien, che interpreta Stiles Stilinski, migliore amico del protagonista.

Guardi altre serie TV? Se si, in quale ti piacerebbe recitare?

“No, guardo solo Teen Wolf” scherza “Negli ultimi due anni, credo che il mio preferito sia stato House of Cards, poi The Walking Dead, ho sempre voluto fare la parte dello zombie in quella serie ed è quasi accaduto, in effetti. Conosco uno dello staff e quindi avrei dovuto fare il morto vivente per un giorno nella prima puntata della quarta serie, ma avevo le riprese di The Maze Runner, quindi non ho potuto”

Ovviamente sei molto popolare tra le teenagers, le cui dimostrazioni d’affetto possono essere piuttosto impetuose. Come affronti la cosa e speri mai di tornare all’anonimato?

“Ci sto mettendo molto ad abituarmi. Sono molto timido e soffro d’ansia, hai ragione, le loro dimostrazioni possono essere abbastanza ‘vivaci’. Mi piacerebbe molto poter andare semplicemente al supermercato senza dover fare foto, sai, essere trattato come un ragazzo normale perché lo sono e certe volte le persone se ne dimenticano. Ma, alla fine, non è tanto male” ammette

Nel tuo ultimo film The Maze Runner, il personaggio che interpreti si trova in una situazione folle e spaventosa. Come ti comporteresti tu in una circostanza del genere?

“Vorrei poterti dire che mi comporterei allo stesso modo” comincia “ma, sai, la vita reale è diversa. Non so, voglio dire, penso che mi farei le stesse domande che si fa mio personaggio. Non vorrei vivere tutta l’esistenza nella paura, sarebbe peggio della morte per me”

Tu eri uno youtuber. Qual’è il tuo consiglio per i giovani talenti che cercando di entrare nello show business tramite Youtube?

“Credo che l’istinto che ti spinge ad usare quel mezzo sia assolutamente comprensibile. E’ così che ho iniziato io, ero solo un bambino che adorava recitare e fare film, quindi lo facevo da solo, ovviamente su piccola scala, ma è così che si impara. Il mio consiglio è di usare Youtube al massimo e di non preoccuparsi di dove condurrà, perché non è questo che conta, quello che conta è fare ciò che si ama. Youtube è semplicemente un miracolo”

Che tipo di carriera vedi per te stesso e quali sono gli attori che ammiri?

“Ad essere onesto non ho una visione specifica della mia carriera. Suppongo di volermi mettere alla prova sperimentando cose diverse ed imparando il più possibile lungo la strada. Ci sono tantissimi attori che ammiro, ma è difficile imitare la carriera di qualcuno perchè sento che toglierebbe al loro operato ciò che lo rende speciale. Non vorrei mai provare ad emularli, perché penso che lo odierebbero, ma niente di personale, solo credo che non è quello che un artista dovrebbe fare” Dylan spiega

Hai conosciuto il successo grazie ad una serie televisiva, ma hai lavorato anche in produzioni enormi come Maze Runner. Qual’è la differenza tra i due tipi di recitazione e cosa pensi di quest’ epoca delle serie tv che stiamo vivendo?

“Prima di tutto, la differenza è enorme, sai, in televisione, c’è meno spazio per la sperimentazione, i tempi sono molto più stretti. Nei film, in particolare quelli che hanno un grande budget e quindi possono essere girati in diversi mesi, puoi farlo, puoi sperimentare. Per quanto riguarda quest’età d’oro delle serie televisive, ti dico che secondo me, negli ultimi 5 anni abbiamo avuto prodotti televisivi migliori di quelli cinematografici ed è incredibile se consideri quello che ho appena detto. In tempi così limitati, riesci comunque ad avere una qualità notevole. La produzione di film ora è tutta basata sui soldi e sul fare qualcosa che venda, anche se è già stata fatta. Oggi si rigurgitano idee invece di crearne nuove”

I personaggi del tuo telefilm sono diversi, nella tua vita privata ti sei mai sentito diverso?

“Quando mi sono trasferito in California con la mia famiglia avevo 12 anni ed è stata un’esperienza interessante. Non sentivo di essermi integrato, non sentivo di avere altri amici oltre ai miei familiari, non mi sentivo a casa. In quel momento mi sono avvicinato al mondo di Youtube. Era l’unica cosa che mi rendeva felice. Il fatto divertente è che quando ho iniziato, avevo talmente tanta paura di dirlo ai miei amici e l’ho tenuto nascosto per tantissimo tempo per non essere giudicato. Guardando indietro ora odio il fatto di essermi sentito in quel modo ed odio il fatto di non averlo detto perchè troppo spaventato dal giudizio delle persone. Mi ci è voluto tantissimo tempo per capirlo, ma sai, questo fa parte della crescita. Non bisogna mai permettere a  qualcuno di cambiare ciò che siamo. Ogni artista è diverso ed ogni persona è diversa, abbracciare queste differenze rende diversi ed è incredibile, perché si diventa unici”

E’ così che il talentuoso Dylan O’Brien conclude. Un ragazzo adorabile ed intelligente al punto da farti venir voglia di parlarci per 3 o 4 ore senza sosta. Continua così Dylan.

B.

Interview, Lea Michele – Intervista, Lea Michele

Giffoni Film Festival - Day 3

Dealing with topics such as love in all of its forms, including the acceptance of one’s own sexuality, diversity in general and facing problems that teenagers face everyday,  it is pretty clear that this TVShow became a phenomenon. The Glee sensation is deeply rooted in the identification that the audience is able to create with the characters.

Me and my colleagues had the chance to speak to the adorable Lea Michele at her press conference yesterday. What a lovely girl. 

649 are the songs that the Glee cast sang in the 5 seasons. But you are also a musician and a music fan in general, so if you could have an ipod with just a few songs from Glee or your album Louder, which one would you chose?

“ So, I’ll just pick from Glee to make it easier. I love so many songs from the show, I would definitely pick Don’t stop believing, Don’t rain on my parade, I loved… Oh My God they are so many… I loved all the cast numbers that we did in all the series, a bunch from the Madonna episode are my favorite… It’s just so hard to pick a few, it’s like picking which one of your children you love the most, but there are always throughout the seasons, you know, songs that I say ‘they are my favorite’ then I sing a new one and I’m like ‘No, this one is my favorite’. But my favorite of all time is Don’t stop believing and also Don’t rain on my parade as I said. I mean, 649 that’s so many I can’t believe that… I must be very old.” she laughs 

We all know your biggest icon is Barbra Streisand, what’s your opinion on her?

“I admire her so much, I don’t think I would be here if she hadn’t existed. She made the way for women who are unique, and I really look up to her. If not my favorite, Funny Girl is one of my favorite movies of all times” Lea informs

Your family is from Naples, Italy. Is this south italian tradition still strong in your family?

“Absolutely. We have sunday dinners and I’m so thankful because my italian family has thought me so much about how to really love. I’m  so proud to be italian. Being here and see how kind and loving everybody is, makes me even more proud” admits

How much of your success is due to internet and social network?

“I really think that internet plays a big role. It’s a way for kids all over the world to get access to people that they love and interact with them” she says 

We live in the TVShow era, do you watch any series?

“I just love watching TV, I watch everything. So I would come home after a long day of work, turn the TV on and watch a bunch of  different stuff” comments 

People goes crazy about you. Wherever you go, kids just go wild. Have you ever done something, I wouldn’t say crazy, but at least wild for one of your icons?

“I think there’s a difference between this generation and my generation, let me explain…”

No need Lea, I’m your generation, I’m your age

“Oh perfect, so you know that now there are more social media involved. For our generation it was hard to know where our idols were going to be. Now with facebook, twitter, you know where the person is so you can go and meet him. For me, I would write like fan letters to people I thought were amazing. You know, most of them were singers, I remember I just loved Alanis Morissette, Barbra of course, but for the most part, I’m more shy than my character, so I just look at them from the far and freak out by myself. But when I did meet Barbra for the first time, I kept it together at the beginning. The moment she walked away I started to hysterical cry” she explains 

Your debut was in Broadway when you were 8, how did you keep yourself grounded starting in the show business at that early age?

“It’s a really challenging industry to live in, but for me, if I didn’t have the family that I have, it would have been different. When I’m at work, I’m at my work, when I’m home I’m not an actor, I’m just Lea, my parents’ daughter, my cousins’ relative, I’m who I am. What’s challenging in this industry is that people stop seeing their friends, daughters ad who they really are and they just start see them as the stars they represent. My family never looked at me like that, they see me for who I am and I love to make them proud through my work, but I just love being seen for just myself” she says

What are your future projects?

“I’m currently working on my second book and it’s going to come out in 2015 and it’s 50% done, I’m going to start my next album in a few months and I’m hoping to have that out next year as well. I would like to tour, I was planning to do something overseas this summer, but my summer just got so busy: second album, second book, 6th season of Glee… lots happening” 

A lot of great stars featured in Glee with their music, which one was your favorite and the most memorable episode?

“I loved the Madonna tribute, I’m a fan so… The Britney Spears episode was so much fun. But when we did the episode with the music from the Fleetwood Mac, Stivie Nicks came on set and she watched everything we did. No one else has done that, you know, she came to hear her songs being sung, I got to sing her song when she was in the same room and we actually became really good friends” explains 

We are approaching the last season of Glee. Rachel’s life has been a roller coaster she had bad moments, great successes. This character is really close to your heart so if it was your choice, what would be the perfect finale for Rachel?

“I feel like so many of her dreams came true, she got to perform on Broadway, she had a great love. I think that what’s next for her and what I would hope for her is just to continue to be happy and always sing and perform because that’s what she loves. But this next season, although I can’t say what is going to happen, it’s very special and it’s exactly how I would imagine the show should end so I think everybody will be very proud. It’s going to be really sad to leave her (Rachel) but it’s been such a pleasure” concludes

And it was also a pleasure for us Lea


Trattando temi come l’amore in tutte le sue forme, inclusa l’accettazione della propria sessualità, la diversità in generale ed affrontando problematiche che i teenagers affrontano ogni giorno, è abbastanza chiaro che questo telefilm sia diventato un fenomeno. La Glee sensation è profondamente radicata nell’identificazione che il pubblico crea con i personaggi.

Io ed i miei colleghi abbiamo avuto la possibilità di parlare con la dolcissima Lea Michele alla sua conferenza stampa ieri. Che ragazza adorabile.

649 è il numero di canzoni che il cast di Glee ha cantato nelle 5 stagioni, ma tu sei anche una cantante e fanatica di musica in generale, se tu potessi avere un Ipod con un numero limitato di canzoni da Glee ma anche dal tuo album Louder, quale sceglieresti?

“Allora, scelgo solo da Glee così è più facile. Mi piacciono così tante canzoni, sceglierei sicuramente Don’t stop believing e Don’t rain on my parade, poi adoro… Oh mamma sono così tante… Mi sono piaciuti tutti i numeri che abbiamo fatto in gruppo ed alcune canzoni dall’episodio tributo a Madonna sono tra le mie preferite… E’ troppo difficile sceglierne solo alcune, è come scegliere quale dei tuoi figli ami di più, ma sai, capita sempre durante le serie che io dica ‘questa è la mia canzone preferita’, poi ne canto una nuova e dico ‘ah no, questa è la mia preferita’. Ma, come ti ho detto, le mie preferite in assoluto sono Don’t stop believing e Don’t rain on my parade. Cioè, 649 canzoni sono proprio tante, non ci posso credere… devo essere molto vecchia” ride

Sappiamo bene che la tua più grande icona è Barbra Streisand, che opinione hai di lei?

“”L’ammiro tantissimo, credo che io non sarei qui se lei non fosse esistita. Ha spianato la strada per le donne che sono uniche ed è una grande fonte di ispirazione per me. Funny Girl è uno dei miei film preferiti, se non il preferito” Lea informa

La tua famiglia è italiana, di Napoli. La tradizione del sud Italia è ancora fortemente radicata nei tuoi familiari?

“Assolutamente. Abbiamo la cena domenicale e ne sono grata perché la mia famiglia italiana mi ha insegnato tantissimo su come amare davvero. Sono orgogliosa di essere italiana. Essere qui oggi e vedere quanto affettuosi, calorosi e gentili siete tutti voi, mi rende ancora più orgogliosa” ammette

Quanto del tuo successo è dovuto ad internet ed ai social network?

“Penso che internet abbia giocato un grande ruolo. E’ un buon modo per i ragazzi di tutto il mondo di entrare in contatto con i loro idoli ed interagire con essi” dice

Viviamo nell’era dei telefilm, c’è qualcuno di questi che segui con particolare passione?

“Io amo guardare la televisione, guardo di tutto. Quindi quando torno a casa dopo una lunga giornata di lavoro, accendo la TV e guardo tantissime cose diverse” commenta

La gente impazzisce per te. Ovunque tu vada i ragazzi lo rendono  un evento epocale. Hai mai fatto qualcosa di, non necessariamente folle, ma comunque forte per una delle tue icone?

“Credo ci sia una differenza tra questa generazione e la mia, mi spiego…”

Non c’è bisogno Lea, io faccio parte della tua generazione, abbiamo la stessa età

“Oh perfetto, allora sai bene che ora ci sono molti più social media coinvolti. Per la nostra generazione era difficile sapere dove si trovassero i personaggi che amavamo. Ora, con Facebook e Twitter, sai dove si svolgono gli eventi, quindi puoi recarti lì ed incontrare le star. Per quanto mi riguarda, io scrivevo cose tipo lettere da fan ai personaggi che consideravo grandi. Sai, erano quasi tutti cantanti, ricordo che amavo Alanis Morissette, Barbra ovviamente, ma in linea di massima, io sono molto più timida del personaggio che interpreto, quindi preferisco guardare le celebrità da lontano e starmene in un angolo a gioire da sola. Ti dico però che quando ho incontrato Barbra per la prima volta, all’inizio ho mantenuto la calma, ma appena è andata via, sono scoppiata in un pianto isterico” 

Hai debuttato a Broadway a soli 8 anni. Come hai fatto e restare coi piedi per terra pur avendo iniziato così giovane?

“E’ un’industria difficile da affrontare, ma per quanto mi riguarda, se non avessi avuto la famiglia che ho, le cose sarebbero andate diversamente.Quando lavoro, lavoro, quando sono a casa, non sono un’attrice, sono Lea la figlia dei miei genitori, la parente dei miei cugini, sono semplicemente me stessa. La cosa difficile quando hai a che fare con questo mondo, è che la gente smette di vederti come amica, figlia e comincia a vederti solo per la star che rappresenti. La mia famiglia non mi ha mai guardata in quel modo, mi vede solo per quello che sono ed io adoro renderli orgogliosi di me attraverso il mio lavoro, ma amo di più che mi vedano per chi sono veramente” dice

Quali sono i tuoi progetti futuri?

“Sto scrivendo il mio secondo libro, sono a metà ed uscirà nel 2015, inizierò a lavorare sul mio nuovo album tra un paio di mesi e spero di pubblicare anche quello il prossimo anno. Mi piacerebbe andare in tour, stavo pensando di fare qualcosa oltreoceano quest’estate, ma sono talmente impegnata: secondo album, secondo libro, sesta stagione di Glee da girare… tante cose stanno accadendo”

Tante grandi star hanno fatto parte di Glee attraverso la loro musica, qual’è stato il tuo episodio preferito e quello che ricordi maggiormente?

“Amo l’episodio tributo a Madonna, anche perché sono una grande fan, quindi…quello di Britney Spears è stato molto divertente. Ma quando abbiamo girato l’episodio con la musica dei Fleetwood Mac, Stivie Nicks è venuta sul set per assistere alle riprese. Nessuno l’ha fatto, sai, è venuta a sentire le sue canzoni che venivano cantate da altri. Io ho cantato una sua canzone mentre lei era nella stessa stanza e siamo anche diventate buone amiche” spiega

Ci avviciniamo all’ultima serie di Glee. La vita di Rachel ha senz’altro avuto molti alti e bassi, ha attraversato momenti molti difficili ed avuto successi strepitosi. Questo personaggio ti sta molto a cuore quindi, se la scelta fosse tua, quale vorresti fosse il finale perfetto per Rachel?

“Penso che abbia realizzato già la maggior parte dei suoi sogni, ha recitato a Broadway, aveva un grande amore. Credo che il prossimo passo, e quello che io le auguro, sia di continuare a cantare ed esibirsi perché è ciò che ama di più. Ma questa prossima serie, anche se non posso anticipare niente, è molto speciale ed è esattamente il finale che, secondo me, lo show dovrebbe avere. Sono sicura che ne saranno tutti molto orgogliosi. Sarà davvero difficile lasciarla (Rachel), ma è stato un grandissimo piacere” conclude

Ed è stato un piacere anche per noi Lea

B.

Interview, Matt Bomer – Intervista, Matt Bomer

10273809_10152585446368832_3120809083679759071_n

The extraordinary beauty of Matt Bomer, reflects a just as beautiful soul.  Leading role in one of the most successful series, Matto proved his amazing skills also in movies like The Normal Heart, In Time and Winter’s Tale. 

His elegance and appearance, charmed us journalists at the press conference and all the fans rushed from all over the world to see him.

In Italy we’ve had a great “Bravo and Bello”: Marcello Mastroianni and Matt admits to be a huge fan of his

“I still remember the first time i saw the movie La Dolce Vita and i thought ‘Who is that?’. So when i had the chance to wear a suit on a TV Show i looked at his pictures. He definitely inspires my style” he admits

With a devastating politeness, it’s even more memorable the battle against the ex governor of California Arnold Shwarzenger for the LGBT community’s  rights. But we also remember that they became friends after it

“Oh I certainly don’t remember that one” he interrupts

You saw so many people that came here from all over the world just to see you. What do you think about this Festival?

“I was just blown away and full of gratitude. I had no idea. I didn’t know what to expect and I’m just really moved and glad that I got to be here today” he confesses 

The spaces between cinema and Tv Shows are shrinking, the two things are almost unifying. You are amazing in both, but probably, your Jackpot in movies is yet to come. What are your plans?

“I don’t think there’s this distinction anymore, there used to be. But it’s not what happens now. You see Matthew McConaughey who just won an oscar for Dallas Buyers Club now doing a television serie for HBO, because as artists we want to go towards the best story. That’s what i want to do and I won’t discriminate between mediums, you know, if a better story is in a tv project I would do that. Now i have the Magic Mike sequel to do and after that I would like to do projects based on stories that i want to tell as an artist” Matt replies 

Some of the best actors out there, after they reach a certain popularity, they start to be producers of themselves, is this a theory or it can be a concrete possibility for you too?

“Oh definitely, I think that rather then just sitting around waiting for a phone call, it’s best to create your own work. I’ve been fortunate enough to be a producer of my TV show for the past 2 years and i’ve written scripts and sold them before so it’s absolutely something that i want to continue to do” he explains

What do you think about the main theme of this edition: Be Different?

I love it! It reminds me of that Oscar Wilde quote: ‘Be yourself because everyone else is already taken’. Authenticity, as an artist, is something really terrifying  because it means really being true to yourself. But it’s really the greatest gift you have as an artist and i think that if you have the courage to do that you will be different and i think it’s a great thing to teach young people  because they have a level of enthusiasm and heart and honesty  that as an artist you want to maintain all your life and to teach them now that they are so impressionable that it’s ok to be different and be who they are it’s a good habit  to get into and creates some amazing things for the future” 

We’ve heard that you are part of a project based on Montgomery Clift what kind of research and how are you getting ready for that role?

“Of course I saw and read everything about him, but the most important thing for me concerning this film is that we do it right, that we do it in a way that he would be proud of that’s the only way I’m going to do this movie” he says

Do you think that Hollywood is different from this one?

“Yes and no, I mean there are filmmakers out there who understand that acting is acting and it’s about your commitment to the role. But i think that ultimately there is a lot of business involved, so they are always worried about money”

Now you are also a father of 3 amazing kids, how did this change you?

“I feel like I learn as much from our children as I’m able to teach to them. The amazing thing, speaking of being different,  is that we have 3 sons and they are all different with the exact same out bringing  and this inspires me as a parent. My job I feel is to be present and give them the structure to thrive into the world but also never limit them so much that they lose the identity that they came into the world with” he concludes


La straordinaria bellezza estetica di Matt Bomer, riflette un’anima altrettanto bella. Protagonista di una delle serie più seguite, Matto ha dato prova del suo enorme talento anche in film come The Normal Heart, In Time and Winter’s Tale. 

La sua eleganza e la sua statuaria fisicità, hanno affascinato noi giornalisti durante la conferenza stampa ed anche i numerosi fan accorsi da tutto il mondo per vederlo.

In Italia abbiamo avuto il “Bello e Bravo” per eccellenza, Marcello Mastroianni, e Matt ammette di essere un grande fan di quest’ultimo

“Io sono un fan sfegatato di Mastroianni. Ricordo la prima volta che ho visto La Dolce Vita ho pensato: “ Chi è quello?”, quindi la prima volta che ho avuto l’occasione di indossare un completo sul set della serie televisiva ho guardato una delle sue foto per trarre ispirazione dal suo stile. Nel ruolo che ho nella serie, ma come attore in senso generale mi ispiro molto a lui.”

La sua devastante gentilezza, rende ancora più memorabile la battaglia legale che ha intrapreso contro l’ex governatore della California, Arnold Shwarzenger, per i i ritti della comunità LGBT. Ma ricordiamo anche che alla conclusione di questa, sono diventati molto amici

“Oh di questo proprio non mi ricordo” interrompe

Hai notato che tantissime persone sono venute qui per te oggi da ogni parte del mondo. Cosa pensi di questo festival?

“E’ stato molto emozionante, sono pieno di gratitudine, non mi aspettavo quest’accoglienza. In realtà non sapevo cosa aspettarmi quindi sono davvero commosso e contento di essere venuto qui” confessa

Gli spazi tra cinema e televisione sono sempre più piccoli, le due cose si stanno unificando, tu riesci molto bene in entrambe. Forse il tuo boom cinematografico deve ancora arrivare, ma che progetti hai?

“Credo che la situazione sia cambiata. Prima gli attori cinematografici erano molto restii a recitare in serie TV, ora invece abbiamo l’esempio di Matthew McConnaughey , il quale ha appena vinto un oscar per Dallas Buyers Club ed ora recita in una serie televisiva molto popolare. In quanto artisti noi tendiamo ad andare verso la storia migliore, non importa il mezzo. Io ho il sequel di Magic Mike da finire, per il resto, sceglierò i progetti che maggiormente si avvicinano a ciò che desidero trasmettere come artista.” risponde Matt

Attori come Brad Pitt, raggiunta una certa popolarità, decidono di diventare produttori di se stessi. E’ una teoria o può diventare pratica anche per te?

“Assolutamente. Credo sia molto meglio crearsi il lavoro piuttosto che guardare il telefono aspettando una chiamata. Io sono stato fortunato abbastanza da poter essere il produttore del mio show televisivo in questi ultimi due anni ed ho scritto copioni che ho venduto anche in passato, quindi è senz’altro qualcosa che voglio continuare a fare nel futuro.”

Cosa pensi del tema di quest’anno del Giffoni Film Festival, Be Different?

“Credo sia un tema bellissimo, mi ricorda una citazione di Oscar Wilde: “Sii te stesso perché tutti gli altri sono già stati presi”. In quanto artista, l’autenticità è qualcosa di veramente terrificante perché vuol dire che devi essere completamente onesto con te stesso e questa è la più grande qualità che un artista possa avere. Una volta che hai il coraggio di farlo allora sarai diverso. E’ un messaggio importante da dare ai giovani, perché hanno un livello di entusiasmo, cuore ed onestà che come artista devi mantenere per tutta la vita. Insegnare loro ora, quando sono così impressionabili, che va bene essere diversi ed essere chi sono è una cosa meravigliosa e può creare cose grandiose.” spiega

Sappiamo che sarai coinvolto in un progetto su Montgomery Clift, che tipo di ricerca e quale approccio hai utilizzato per questo tipo di ruolo?

“Ovviamente ho visto tutti i suoi film e letto qualsiasi cosa su Clift, ma la cosa più importante per me rispetto a questo film, è che venga fatto come si deve, in un modo in cui lui possa esserne fiero. Questa è la cosa principale per me. Ho messo in chiaro fin dall’inizio che avrei accettato la parte solo se si fossero mantenuti gli standard di Montgomery Clift, altrimenti non l’avrei fatto.” dice

Pensi che quella Hollywood sia  diversa da questa?

“Si e no. Ci sono senz’altro registi che capiscono che il recitare è recitare per cui apprezzano la tua arte. Ma ci sono anche troppi interessi economici. Tuttavia io credo di essere molto fortunato perché posso scegliere i ruoli che voglio.”

Sei padre di 3 bambini meravigliosi, come ti ha cambiato la paternità? 

“Da quando sono padre sto imparando dai miei bambini tanto quanto sto insegnando loro. Parlando della diversità e dell’autenticità, noi abbiamo tre figli che sono completamente diversi l’uno dall’altro pur avendo gli stessi genitori. Questa è la cosa più autentica ed ispirante per me come genitore, però il mio lavoro penso sia quello di essere presente e mantenere una struttura che possa guidarli nel mondo, ma anche mai essere proibitivo in maniera tale da privarli di quell’autenticità.” conclude

B.

Interview, Gomorra the Serie – Intervista, Gomorra la Serie

a199a6337ec746064a3cf56a9850e475_XL

The success that the tv serie Gomorra had, was incredible. It’s been distributed in more than 60 countries all over the world. Some people say that Italy (and Naples in particular) “sells guns”, but the reality is that Italy and Naples are still strongly able to produce such masterpieces. Now a days, the tendency is to throw garbage on these places, just to cover ours, but the truth is that this trash is all over the world. Naples is not just pizza and camorra, it is also warmth, generosity and unity. This year, Naples has also been Paolo Sorrentino that lifted the Oscar making everybody more proud to be Italian in this era where it’s hard to even feel you are a person.

This morning, the two main characters of the serie, Marco D’Amore and Salvatore Esposito, talked to me and other journalists confirming that this generosity and politeness can actually change the world that they described in Gomorra

“Look, I walked side by side with my character that is the clear expression of this negative places and actions. When I started, I tried to set myself free from prejudices. I can assure you that in this black shadow of violence and atrocity, I have been able to see such sparks of love, umanity, friendship that I wondered will I be able to live with such strength certain feelings? And this comes from something that is so negative” Marco says

“Project a side, the thing that really surprised me was the thankfulness, the caring, the love that we found in the places where we were shooting, considered the ‘Ghetto’, see, the good things don’t break the news. We spent nine months in this territories while shooting, under the burning sun of south Italy and all we found was solidarity, great love, care, those people opened their doors for us, gave us water, but see, nobody talks about that, well I do, because as a person, it touched me and made me realize that not everything is bad” Esposito adds

The producer Riccardo Tozzi, in an interview declared “We probably made the name of Gomorra dirty” (since some scenes where filmed in the actual places that the camorra negatively marked) what do you think about this critics that are actually bringing a lot of popularity to the serie?

“Well, I’m used to get my own idea of things, so what I’m going to say is that I’m an actor, it’s not my job to talk about this” D’Amore replies 

One of the jury members of the festival, an 11 years old, quoted Che Guevara saying: “An ignorant people is easy to rule” what do you think?

“I totally agree. It’s hard to answer this question. I made a lot of sacrifices in my life to study and get to this point, if mine could be an example that would be my answer”Marco says

Do you think that the fame that Gomorra reached, it’s given especially from this criticism? 

“No, I think that the success comes from the quality on the product. For the fist time, an italian serie has been sold in 62 countries and the most important newspapers compared it to the best american tv shows. It’s something to be proud of, the cast, the troupe, the production are all just great and this success just proves it” Salvatore comments

“It’s absurd to think that Gomorra it’s a place on the map, Gomorra it’s a place in our consciences, it’s in Italy, in America, in Mexico, in France, it’s everywhere and the proof on what I just said is that it has been sold all over the world because it talks about the world” Marco adds

What are your future projects?

“I am exploring the options” Esposito answers

“I made a movie with Luca Zingaretti and some other things and also I decided to produce a movie written with my company ‘La piccola società’. It’s a movie about the tragedy of ETERNIT. Everybody said ‘You are not going to make it’, I just want to say ‘See you next year at the Giffoni Film Festival where there will be the premiere, because I’m going to make it” D’Amore concludes

That’s the spirit guys


Il successo che la serie televisiva Gomorra ha riscosso, è stato  incredibile. E’ stata distribuita in più di sessanta paesi del globo. Alcuni dicono che l’Italia (Napoli in particolare) “vende pistole”, ma la realtà è che l’Italia e Napoli sono ancora fortemente capaci di produrre capolavori. Oggigiorno la tendenza è di gettare spazzatura su questi posti solo per nascondere la propria, ma la verità è che l’immondizia è in tutto il mondo. Napoli non è solo pizza e camorra, è anche calore, generosità ed unità. Quest’anno, Napoli è stata anche Paolo Sorrentino che ha alzato l’Oscar facendo sentire tutti orgogliosi di essere italiani in un’era in cui è anche difficile sentirsi persone.

Stamattina, i due protagonisti della serie, Marco D’Amore e Salvatore Esposito, parlando con me ed altri giornalisti, hanno confermato che questi valori, come generosità e gentilezza, possono davvero cambiare il mondo da loro descritto in Gomorra

“Guarda, io ho camminato spalla a spalla col mio personaggio, il quale è chiara espressione di questi comportamenti e luoghi negativi. Quando ho iniziato ho cercato di liberarmi da qualsiasi tipo di pregiudizio. Posso assicurarti che in quest’ombra nera di violenza ed cattiveria, sono riuscito a scorgere sprazzi d’amore, umanità, amicizia ed ho pensato: ‘Riuscirò io a vivere con tale forza determinati sentimenti?’ E tutto  questo è scaturito sa  un elemento così negativo” dice Marco 

“Escludendo per un momento il progetto, la cosa che mi ha sorpreso particolarmente è stata la gratitudine, l’affetto, l’amore che abbiamo trovato nei posti in cui abbiamo girato, quelli che chiamano ‘malfamati’, vedi, le cose buone non fanno notizia. Abbiamo passato nove mesi in questi territori durante le riprese, sotto il caldissimo sole del sud Italia e tutto quello che abbiamo trovato è solidarietà, grande amore, affetto, queste persone ci hanno aperto le loro case, offerto acqua, ma vedi, di questo nessuno parla, però io si, perché come persona, mi ha commosso e fatto capire che non tutto è marcio” aggiunge Esposito

Il produttore Riccardo Tozzi, in un’intervista ha dichiarato “Probabilmente abbiamo  sporcato il nome di Gomorra” (dal momento che alcune scene sono state girate nei posti reali in cui la camorra ha lasciato un terribile marchio). Cosa pensate di queste critiche che, in fin dei conti, non fanno altro che accrescere la popolarità della serie?

“Bè, io sono abituato a farmi la mia idea rispetto alle cose, quindi quello che dirò riguardo a ciò, è che io sono un attore, non è parte del mio lavoro parlare di questo tipo di argomenti” spiega D’amore

Un membro della giuria del festival, una ragazza di 11 anni ha citato Che Guevara dicendo: “Un popolo ignorante è più facile da governare” voi che ne dite?

“Io concordo pienamente. E’ difficile rispondere a questa domanda. Io ho fatto tantissimi sacrifici nella vita per studiare ed arrivare al punto in cui mi trovo ora, se il mio può valere come esempio allora quella è la mia risposta” Marco commenta

Pensate che il successo riscosso da Gomorra sia dovuto soprattutto alle critiche?

“No, io credo che il successo derivi principalmente dalla qualità del prodotto. Per la prima volta, una serie italiana è stata venduta in 62 paesi e le più importanti testate l’hanno paragonata alle maggiori serie americane. E’ qualcosa di cui essere orgogliosi, il cast, la troupe, la produzione sono tutti di altissimo livello ed il successo ne è la prova” commenta Salvatore

“E’ assurdo pensare che Gomorra sia solo un posto sulla cartina geografica, Gomorra è un posto nelle nostre coscienze, è in Italia, in America, in Messico, in Francia, è ovunque e la dimostrazione che quello che dico è vero è che è stata venduta in tutto il mondo, perché parla del mondo” aggiunge Marco

Quali sono i vostri progetti futuri?

“Io sto vagliando diverse proposte” risponde Esposito

“Io, tra le altre cose, ho girato un film con Luca Zingaretti ed ho anche deciso di produrre un film che ho scritto col mio gruppo, ‘La piccola società’. E’ un film che racconta la tragedia dell’ETERNIT. Tutti mi hanno detto ‘Non riuscirai a farlo’, io voglio solo dire: ‘Ci vediamo al Giffoni Film Festival il prossimo anno dove vertere il film in anteprima, perché ce la faccio’ “ conclude D’Amore

Questo è lo spirito ragazzi

 

B.