Interview, Richard Gere – Intervista, Richard Gere

10499523_10152592413673832_7436747946233923240_o

When I met Richard Gere, I almost passed out. But, unlike my mother, I kept it together… LOL. No, for real, who hasn’t dreamed about having Vivian’s fairytale with prince charming Edward coming on a limo for the rescue?! Now, let me tell you that the press conference with him, made me discover an amazing and inspiring man who enlightened me and my colleagues with pearls of wisdom and great thoughts. As soon as he entered the room, he greeted all of us with a great and gorgeous smile before saying:

“Let me just say that I’m really, really happy to be here. I always take every chance I can to come to Italy, it’s very important to me, I have so many friends here.I’m with my son and we both are glad to be here, especially in the Amalfi Coast, to be part of this Festival who’s importance is to connect young adults from all over the world. This has an amazing impact on the planet so thank you”

No, thank YOU Richard, but let’s get serious here, we have some questions to ask

When, in your life and career, you felt like you had to make deals and compromises with Hollywood?

“This is funny. Everybody has this idea of Hollywood as a voracious monster. It’s just a place where people make movies, it’s not a big deal. We all have to make deals with our own demons, it has nothing to do with Hollywood” I couldn’t agree more, my dear

Your choice of playing a homeless in your next movie, has anything to do with the economic crush we have been experiencing for a few years now?

“Actually it’s interesting, because the original script of that movie was written 25 years ago and, you know, the details changed a little bit, but the real problems of homelessness, the personal issues and struggles haven’t changed at all. To play this role I already had an experience with an association in New York which is the only place in the world where BY LAW has to be given a bed to this people. So in this movie, we follow this man’s process of becoming a homeless and going through bureaucracy of New York, but also the personal journey to be able to get a human connection again” the actor explains

You talked a lot about the respect towards other species and your movie Hachiko represents the real love that animals can give us. What’s your message to young adults about the respect towards our planet?

“I would like to clarify that I’m not a vegetarian, I eat fish and chicken sometimes, I absolutely don’t eat red meat” Just like me Richard “I think eventually I won’t eat animals at all. Not only from a religious, cultural, emotional, psychological point of view, but also from a scientific point of view we are all on the same planet, we all react to each other, no one exists just on his own side, we are all responsible for each other. A friend of mine who was going to have a child, is a student of the Dalai Lama and one time he asked him ‘How can we give extraordinary values to our child?’. The Dalai Lama remained silent for a minute then he said ‘Teach him how the respect the life of an insect’ which is maybe ugly, maybe scary, doesn’t look like us, appears to be insignificant, but if you teach a child to see an insect as someone with a life, a family who’s only looking to achieve real happiness, just like us, that’s very transforming”

Everybody knows you are a pacifist, what’s your opinion on this bloody world?

“You know, I remember when my Zen teacher in Japan told me that he didn’t make important decisions till he got the speed of his heart down to 7 breaths a minute. Meaning that human beings tend to make very emotional decisions about things and, usually, emotions are just the surface and not very reliable. They are not based on anything profound. The surface of things is related to the selfish idea of the ‘I am’, on that base, everything is about MY life, MY security, MY happiness. If you could leave the surface, go deeper and see things from a more rational point of view you will see that we all behave to causes and so you can understand why you behave in a certain way and why the others behave in a certain other way. The violence that we have today is caused by people seeing humanity as individuals and I don’t trust that at all. But I’m optimistic about human beings because we are, naturally, creatures of kindness and respond to love, care and security and we behave towards each other. With that knowledge problems won’t even exist, because that’s who we really are” he says

With all the beautiful things you’re saying, I can’t help thinking about your career. In more than fifty movies you always had good characters, just a few villains. In what measure your private life affects your roles choice?

“Oh, it’s nothing separate. You see, making movies to me is just a job. But there’s nothing in my life that is separate from me. I think I never accepted a job where I didn’t find something in it that would respond to a higher level inside of me. Of course I made some bad choices sometimes, we don’t always have control on things”

Your colleagues are getting into TV Shows everyday more, and we have great products nowadays, would that be an option for you too?

“This is very much of a transition time for movies. The studios don’t make the kind of movies they made when I started anymore. For my new movie we had a really small budget and 21 days to shoot it. One has to work in a really strict environment to make a more serious movie and we all have to adjust to that now. Truth is that in television, cables have huge budgets and they can do more experimental things and it’s not normal TV, they do extraordinary products” Richard admits

Why do you think Hollywood changed so much, why do we have more quality in a TV Show than in a comedy movie?

“A lot of it has to do with how expensive it is to release a movie basically. Just the costs of releasing a movie are higher than the costs of making it. These cables have already the whole package”

Is there one of your previous roles what you would like to repeat?

“Oh no, once a character is done, it’s done” he laughs

It doesn’t really matter, does it? We just enjoy the view of your incredible talent and ageless beauty


Quando ho incontrato Richard Gere, sono quasi svenuta. Ma, a differenza di mia madre, io mi sono data un contegno… HAHAHA. No, davvero, chi non ha mai sognato di avere la favola di Vivian, col principe azzurro Edward che arriva in limousine per il salvataggio?! Ora, lasciate che vi dica che la conferenza stampa con lui, mi ha fatto scoprire un uomo incredibile, grande fonte di ispirazione, che ha illuminato me ed i miei colleghi con perle di saggezza e pensieri significativi. Appena entrato nella sala, ha salutato tutti con uno splendido sorriso prima di dire:

“Lasciate che vi dica che sono davvero tanto, tanto felice di essere qui. Colgo al volo ogni opportunità mi si presenti per venire in Italia, è molto importante per me, ho tantissimi amici qui. Sono con mio figlio e siamo entrambi contenti di essere qui specialmente nella costiera amalfitana, per prendere parte a questo festival la cui importanza è di connettere giovani adulti da tutto il mondo. Questo ha un incredibile impatto sul pianeta quindi vi ringrazio”

No, grazie a TE, Richard, ma andiamo al sodo, abbiamo diverse domande da fare.

Quando, nella vita e nella carriera, hai pensato di dover scendere a compromessi con Hollywood?

“E divertente. Tutti hanno questa idea di Hollywood come di un mostro vorace. E’ semplicemente un posto dove la gente fa film non è questa gran cosa. Tutti dobbiamo venire a compromessi con i nostri demoni e questo non ha niente a che fare con Hollywood” non potrei essere più d’accordo, mio caro

La scelta di recitare nel ruolo di un senzatetto nel tuo prossimo film, ha qualcosa a che vedere con la crisi economica che stiamo vivendo da diversi anni ormai?

“In realtà, è molto interessante, perché il copione originale di quel film è stato scritto 25 anni fa e, sai, forse i dettagli sono un po’ cambiati, ma i problemi reali, le difficoltà e le lotte personali dell’essere senzatetto, non sono cambiate per niente. Per recitare questa parte avevo già fatto esperienza con un’associazione di New York che l’unico posto al mondo dove, PER LEGGE, deve essere garantito un letto a queste persone. Quindi, in questo film, seguiamo il processo di quest’uomo che diventa un senzatetto ed affronta la burocrazia newyorkese, ma anche il suo viaggio personale verso la capacità di ristabilire di nuovo connessioni umane” spiega l’attore

Hai spesso parlato del rispetto nei confronti delle altre specie ed il tuo film Hachiko rappresenta l’amore reale che gli animali possono darci. Quel’è il tuo messaggio per i giovani, riguardo alla tutela del nostro pianeta?

“Vorrei chiarire subito che non sono vegetariano, mangio pesce e pollo qualche volta, non mangio assolutamente carne rossa” proprio come me Richard “ma credo che in futuro, smetterò definitivamente di mangiare animali. Non solo da un punto di vista religioso, culturale, emotivo e psicologico, ma anche da un punto di vista scientifico noi siamo tutti sullo stesso pianeta ed interagiamo gli uni con gli altri, nessuno esiste solo per se stesso, siamo tutti responsabili di tutti. Un mio amico che è un discepolo del Dalai Lama, quando stava per avere il suo primo figlio gli ha chiesto: ‘Come possiamo trasmettere valori straordinari al nostro bambino?’ il Dalai Lama è rimasto in silenzio per un attimo, poi gli ha risposto: ‘Insegnagli a rispettare la vita di un insetto’ che magari è brutto, spaventoso, non ci somiglia per niente, sembra insignificante, ma se insegni ad un bambino a vedere l’insetto come un essere dotato di vita e di una famiglia, che cerca solo di raggiungere la felicità, come ogni altro essere umano, è trasformante”

Tutti sappiamo che sei un pacifista, qual’è il tuo pensiero in merito a questo mondo insanguinato?

“Sai, mi ricordo che una volta, il mio maestro Zen giapponese, mi ha rivelato che lui non prende decisioni importanti fino a quando non è riuscito ad abbassare il numero dei suoi respiri a 7 al minuto. Questo è per dire che gli esseri umani tendono a prendere decisioni emotive, solitamente, le emozioni sono la superficie delle cose e quindi non molto affidabili. Non si basano su qualcosa di profondo. La superficie delle cose è legata all’idea egoistica dell’ ‘Io Sono’, su questa base, tutto riguarda la MIA vita, la MIA sicurezza, la MIA felicità. Se potessimo lasciare lo strato superficiale,  andare più in profondità e vedere le cose da un punto di vista più razionale, vedremmo che noi tutti reagiamo a delle cause. In base a quello capiremmo perché noi e gli altri ci comportiamo in determinati modi. La violenza protagonista di questo mondo è causata dalla visione, da parte delle persone, dell’umanità come individui ed io non mi fido assolutamente di questa visione. Ma resto ottimista riguardo agli esseri umani perché, per natura, noi siamo creature gentili, reagiamo all’amore, al rispetto ed alla sicurezza e ci comportiamo bene gli uni con gli altri. Se tutti avessimo questa consapevolezza, i problemi neanche esisterebbero, perché è così che siamo davvero” dice

Con tutte le meravigliose cose che stai dicendo, mi viene da pensare alla tua carriera. In più di 50 film, hai sempre avuto ruoli positivi, pochissimi negativi. In che misura la tua vita privata influenza la scelta dei ruoli?

“Oh, non è assolutamente separata. Vedi, fare film per me è solo un lavoro. Ma non c’è niente nella mia vita che sia separato da me. Credo di non aver mai accettato un ruolo nel quale non abbia trovato un qualcosa che rispondesse ad un livello più alto nella mia interiorità. Ovviamente ho preso anche decisioni sbagliate qualche volta, non abbiamo sempre il controllo sulle cose”

I tuoi colleghi stanno entrando sempre di più nel mondo delle serie televisive ed oggigiorno abbiamo grandi prodotti, potrebbe essere un’opzione anche per te?

“E’ un grande periodo di transizione per il cinema. Gli studios non producono più il genere di film che si facevano quando io ho iniziato. Per il mio ultimo film, avevamo a disposizione un budget limitatissimo e 21 giorni per girarlo. Bisogna lavorare in ambienti molto severi per fare film seri e tutti dobbiamo adattarci a questo nuovo regime ora. La verità è che nella televisione, queste case di produzione hanno budget enormi, possono creare cose sperimentali e non fanno TV normale, producono cose straordinarie” ammette Richard

Perché Hollywood è cambiata così tanto secondo te, perché abbiamo una maggiore qualità nelle serie che in una commedia?

“Ha molto  che vedere con i costi di distribuzione di un film. Solo i costi di distribuzione sono più alti delle spese di produzione ormai. Questi network invece hanno già tutto il pacchetto”

C’è qualche ruolo, tra tutti quelli che hai interpretato, che ti piacerebbe ripetere?

“Oh no, una volta che un personaggio è andato, è andato” ride

Non ci importa, vero? Noi ci godiamo solo la vista del tuo incredibile talento e della tua bellezza senza tempo

B.

Advertisements

Giffoni Film Festival, The Festival Of Dreams – Giffoni Film Festival, Il Festival Dei Sogni

 

10533328_10152552177473832_5909615253078691250_n

The 44th edition of the Giffoni Film Festival is coming up (july the 18th) and today took place in Naples, the press conference to present the program of the festival that never disappoints. 3300 judges coming from 41 different countries, a lot of concerts, premieres and events, 60 guests like Lea Michele, Matt Bomer, Dylan O’Brien, Alan Rickman, Ryan Guzman and the italians Ferzan Ozpetek, Ornella Muti, Luca Argentero and many more. This year’s theme is BE DIFFERENT “The difference is richness, is the power of change, starting from one “odd” element that, detaching from what is defined as normal, changes our vision of the world… there’s no greatness without difference. The genius is different and that’s why its road through life is painful, but it’s from its diversity that we obtain the gift of art and the strength of invention. Being different is the weight that every single person carries. If similarity is a reassuring sign of belonging to a group, a family, a society of peers, diversity is seen as difficulty, limit, punishment instead of endless potential of transformation. What’s youth if not the power to be what you want to be? And the biggest difference isn’t, perhaps, the one of having still the future in our own hands?” This is the message that the Giffoni Experience 2014 wants to give this year. One of the most important festivals in the world already, the GFF deserves all the rewards that, year after year, it gets. It firmly believes in the power of young people as engine of the world and the improvement, it never disappoints and makes us hope  for a better future. Through cooperation and analysis of movies, gives  young generations values such as friendship, love, family. Teaches how to dream and how to be determined enough to follow those dreams. Collects differences of ethnicity, culture, religion and mix them all together to create equality and unity, making young adults feel like they are being part of something unique. From 44 years this festival makes teenagers’ dreams come true by being itself a dream that comes true every year. Between the best festivals in the world? NO, definitely THE BEST. 


La 44esima edizione del Giffoni Film Festival è alle porte (18 Luglio) ed oggi a Napoli si è tenuta la conferenza stampa per la presentazione del programma del festival che non delude mai. 3500 giurati provenienti da 41 Paesi diversi, tantissimi concerti, anteprime ed eventi, 163 film in programma, 60 ospiti tra i quali Lea Michele, Dylan O’Brien, Matt Bomer, Luca Argentero, Francesco Arca, Ferzan Ozpetek, Alan Rickman, Ornella Muti, l’ultimo annunciato Richard Gere e tantissimi altri. Il tema di quest’anno è BE DIFFERENT  “La differenza è ricchezza, è il potere di cambiare partendo da un elemento “anomalo” che, distaccandosi da quella che viene intesa come norma, cambia la nostra visione del mondo…Non c’è grandezza senza differenza. Il genio è diverso e per la sua differenza compie un percorso doloroso attraverso la vita ma è dalla sua differenza che otteniamo il dono dell’arte, la forza dell’invenzione. Essere diverso è il peso che ogni ragazzo porta con sé. Se la similitudine è rassicurante segno di appartenenza ad un gruppo, ad una famiglia, ad una società di uguali, la differenza viene vissuta come difficoltà, limite, castigo piuttosto che come potenzialità infinita di trasformazione. Cos’è la giovinezza se non il potere di essere ciò che si vuole? E la più grande differenza non è forse quella di avere ancora tra le mani il proprio futuro?” questo è il messaggio che vuole lanciare il Giffoni Experience 2014. Ormai tra i festival cinematografici più importanti del mondo, il GFF merita tutti i riconoscimenti che anno dopo anno riceve. Crede fermamente nella potenza dei giovani come motore del mondo e del cambiamento, non delude mai le aspettative e ci fa sperare in un futuro migliore. Dona ai ragazzi valori come l’amicizia, l’amore, la famiglia, attraverso la cooperazione e la critica dei film. Insegna a sognare e ad essere determinati abbastanza da seguire quei sogni. Raccoglie le differenze di razza, cultura, religione e le mescola insieme creando l’uguaglianza e l’unità, facendo sentire i ragazzi parte di qualcosa di veramente unico. Da 44 anni questo festival realizza i sogni di tanti giovani, essendo esso stesso un sogno che ogni anno diviene realtà. Tra i festival migliori del mondo? NO, decisamente IL MIGLIORE.

B.